Qui vi proponiamo una selezione di risorse qualificate dedicate alla sicurezza.

Per chi arrampica:

— Estratti di una pubblicazione del Club Alpino Americano in cui si analizza la dinamica di incidenti realmente accaduti (altri racconti sono disponibili sulla rivista Rock and Ice):

— La rivista Climbing Magazine pubblica ottimi articoli illustrati sulle tecniche nei vari stili di arrampicata: Rock Climbing Techniques, e sulla salute: Climbing Injuries and Health.

— Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico ed il CAI offrono un servizio di tracciamento e richiesta soccorso tramite una app su smartphone ed abbonamento annuale. Tutti i dettagli sul sito GeoResQ.

Per chi chioda (e per chi vuole arrampicare con maggiore consapevolezza):

— Nelle falesie sul mare gli ancoraggi sono particolarmente esposti a varie forme di corrosione. Purtroppo questa può colpire anche l'acciaio inossidabile e non essere visibile dall'esterno, portando in casi estremi al cedimento improvviso dell'ancoraggio. Una nota ditta del settore ha pubblicato un documento esaustivo sui fenomeni di corrosione, le tipologie di acciaio e gli ancoraggi più idonei per l'uso nelle falesie marine.

Poni domande su sicurezza e salute agli altri utenti, o segnala altre risorse utili:

Sicurezza e salute 0 13 mesi fa
Lorenzo Cangiano
13 mesi fa 00
Video ufficiale della BMC (British Mountaineering Council) sul rischio che si corre nell'utilizzare dei rinvii con fettuccia aperta (non cucita) assieme ad un gommino di ritenzione del moschettone http://vimeo.com/70397022
Sicurezza e salute 4 4 anni fa
Alessio Panerai
4 anni fa 04
HO INIZIATO A RAMPICARE AD INIZIO ESTATE CON IL SUPPORTO DI UN ESPERTO ED E' STATO PER ME DI GRANDE SODDISFAZIONE, HO CONTINUATO A FARE RAMPICATE IN FREE SOLO, LA DOVE RITENEVO DI POTERMELO PERMETTERE,NELLA SPERANZA DI RITROVARE L' OCCASIONE DI FARE QUALCHE COSA DI PIU' IMPEGNATIVO IN SICURA'ORA VI CHIEDO, SE MI PRESENTO IN QUALCHE FALESIA E' POSSIBILE CHE SIA INVITATO A SALIRE QUALCHE VIA? QUANDO HO POTUTO MI SONO ALLENATI A SASSO SCRITTO UNA FALESIA DELLA QUALE QUI NON HO NEPPURE TROVATO MENZIONE, E UNA DELLE VIE LA PRATICO A MO' DI ALLENAMENTO, NELLA SPERANZA DI UNA QUALCHE RISPOSTA PORGO I SALUTI E RINGRAZIAMENTI A TUTTI. POSSEGGO DUE PAIA DI SCARPE LA CORDA L, IMBRACATURA , IL CRI CRI , E VARIE ALTRE MISCELLANIE DELLE QUALI HO ANCORA DA CAPIRE BENE L'UTILIZZO
Luca Alessio Panerai
4 anni fa 30
Spero sia solo uno scherzo di cattivo gusto.Basta una caviglia slogata in falesia perche' i media si accaniscano compatti contro un " branco di fanatici che se la va a cercare". Certo fare free solo su uno scoglio sabbioso e friabile non ci aiuterebbe. Poi,perlomeno,si dice ARRAMPICARE,e l'esperto in questione si deve essere dimenticato di spiegare come usare questi oscuri oggetti.
Giorgio Edo Vannucci Alessio Panerai
4 anni fa 50
Caro alessio,mi permetto di darti alcuni consigli.
Ti consiglio di fare un corso serio di arrampicata dove istruttori di esperienza sapranno sicuramente metterti a conoscenza di cosa vuol dire veramente arrampicare.

L'uso dei materiali e la conoscenza profonda dei nostri limiti è determinante per evitare di farsi veramente male(o peggio).
Con una buona conoscenza puoi spingerti anche oltre i tuoi limiti,rispettando sempre le tecniche di assicurazione e affrontando tiri o vie chiodate bene.
Lascia perdere le arrampicate free solo,credimi,non portano a nulla e sono molto pericolose per te ed anche per gli altri.
L'arrampicata è uno sport meraviglioso che ti fa crescere fisicamente e spiritualmente,però è molto esigente e quando manca l'esperienza(e questo mi sembra il tuo caso)si incappa in errori che potrebbero costare molto cari.
Questo sport è già stato colpevolizzato troppo,siamo considerati(come dice luca p)un branco di fanatici che se la va a cercare e questo non è vero,cerchiamo quindi di non fomentare con comportamenti a rischio chi la pensa cosi.
Grazie.
Luca Giorgio Edo Vannucci
4 anni fa 30
Grazie Giorgio per aver tradotto in italiano quello che avrei voluto dire... vorrei solo aggiungere che a mio parere bisognerebbe iniziare questa vera e propria "disciplina" con un po' piu' di umilta',di "testa" e di rispetto verso chi arrampica da anni e magari ha speso tempo e denaro per valorizzare le falesie dove andiamo a divertirci.
Giorgio Edo Vannucci Luca
4 anni fa 30
Concordo e aggiungo,che con i metodi espressi dal buon Alessio,è soprattutto una mancanza di rispetto nei confronti
di se stessi e di quello che l'arrampicata,per noi tutti,ha rappresentato e rappresenta tuttora.
In più di trentanni di arrampicata(purtroppo)ne ho viste di tutti i colori,ed alla base c'è sempre stata la superficialità e la faciloneria nell'affrontare questa splendida disciplina e questo a tutti i livelli.
Il compito di noi "esperti"è anche quello di avvisare i più sprovveduti dei rischi che si corrono e come fare per ridurne
al minimo le conseguenze.
Come spesso dico ai molti che vogliono avvicinarsi all'arrampicata le cose da saper fare non sono tante ma bisogna saperle fare molto bene.
Saluti.
+